Il dolore alla cervicale, o cervicalgia, colpisce il 60% degli italiani, con un’incidenza maggiore tra le donne. Secondo il Global Burden of Disease 2010 Study, è la quarta causa di assenza dal lavoro per invalidità.

Il tratto cervicale è formato da 7 vertebre, che si trovano nella parte superiore della colonna vertebrale e che permettono di compiere movimenti rotatori, flessori ed estensori della testa; il dolore cervicale si localizza a livello del collo ma spesso si irradia alle spalle e, nei casi più gravi, alle braccia, rendendo difficoltosi i movimenti.

Le CAUSE possono essere molteplici tra queste le più importanti sono:

  • SEDENTARIETÀ

È una delle abitudini più pericolose. Chi pratica attività fisica, oltre al benessere che ricava per tutto l’organismo, ha una muscolatura più forte e tonica. I muscoli non allenati e poco tonici non sostengono adeguatamente la colonna vertebrale e quindi anche il tratto delle vertebre cervicali.

  • POSTURA

La posizione che assumiamo quando per esempio siamo seduti alla scrivania, a tavola, ma anche camminando, può essere all’origine dei dolori al tratto cervicale. Per esempio le persone che lavorano con il busto piegato in avanti o passano molte ore davanti al computer o in auto sono più predisposte a questo tipo di problemi rispetto invece a chi, per lavoro o per abitudine, si muove di più.

  • EVENTI TRAUMATICI

Un infortunio sul lavoro, un colpo di frusta, colpi di freddo, traumi articolari e il trasporto di oggetti pesanti possono causare problematiche alla zona cervicale, sia alle strutture ossee che a quelle muscolari.

  • ARTROSI CERVICALE

È un disturbo degenerativo che peggiora con l’età: le cartilagini dei dischi intervertebrali si consumano e le vertebre si avvicinano, dando luogo a compressioni e schiacciamenti della colonna.

  • SOVRACCARICO (Palestra)

Diversi pazienti riferiscono la comparsa di dolori cervicali dopo aver effettuato degli esercizi in palestra. Ciò accade perché hai chiesto ai muscoli del collo più di quanto non ti potessero dare. E questo è accaduto perché:

– hai eseguito male alcuni esercizi

– hai usato carichi eccessivi

– il tuo allenamento non è ben programmato

– il tuo problema al collo è tale che (per ora) i muscoli cervicali non reggono determinati carichi lavorativi

SINTOMI più comuni di una cervicalgia sono:

  • Dolore cervicale
  • Rigidità del collo
  • Cefalea
  • Vertigini
  • Nausea
  • Spossatezza
  • Acufeni
  • Emicrania

Inoltre quando il dolore si irradia dal collo alla spalla o anche al braccio, fino alle dita della mano, si parla di cervicobrachialgia, che spesso provoca anche parestesie (alterazioni della sensibilità) e sensazione di formicolio.

Come CURARE il dolore cervicale?

Il primo approccio deve essere sempre di natura investigativa, Valutazione Fisioterapica, Medica, o Diagnostica Strumentale (RX, Rnm). Una volta individuata la causa del problema è possibile adattarci il trattamento più idoneo per la sua risoluzione.

L’importanza della PREVENZIONE 

L’obiettivo è rendere più elastico il collo, e quindi tutta la zona cervicale. Per cui è opportuno seguire queste indicazioni:

 

  • Rimanere in una stessa posizione troppo a lungo.
  • Dormire in posizione prona, con la testa piegata da un lato.
  • Applicare il ghiaccio direttamente sulla pelle del collo.
  • Eseguire esercizi per la cervicale (Fig.)
  • Quando il dolore cervicale fa pensare ad un’ernia del disco cervicale, si raccomanda di rivolgersi immediatamente al medico per iniziare quanto prima un eventuale trattamento.
  • Sollevare carichi pesanti.
  • Praticare sport di potenza (es. sollevamento pesi), che potrebbero aggravare il dolore cervicale.

Ricorda che tale problematica, per lo stile di vita attuale interessa non solo persone anziane, ma fasce di età sempre più giovani. Non aspettare il dolore prenditi cura di te.

Cervicale: cause – sintomi – prevenzione
Tag:                         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *